Home Notizie

Notizie

Fino al 20 ottobre: in mostra "Argio Orell. Raffinatezza e seduzione"

Il grande successo della mostra dedicata al pittore triestino Argio Orell [1884-1942] ha preteso un tributo: rimarrà aperta al pubblico fino al 20 ottobre, qui in via Torino, 8. Gli orari rimangono inalterati: dal lunedì al sabato dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 18.30; la domenica dalle 10 alle 13. Naturalmente, l'ingresso è gratuito. L'esposizione vanta decine di quadri per la prima volta raccolti in un unico evento; per scoprirne o rivederne qualcuno, puntate la favolosa gallery apparsa sul Piccolo.

Per approfondire: Ilaria Rocchiun vecchio articolo di Piero Delbello.

in mostra fino al 20 ottobre, in via Torino

Share

27 settembre: "Luciano Petech. Dall'Istria alle civiltà dell'Asia"

Uno dei più grandi storici dell’Asia Orientale era di sangue istriano, era nato a Trieste ma veniva da Pisino: si chiamava Luciano Petech, insegnava Storia dell'Asia Orientale alla Sapienza ed era discepolo e sodale del grande Giuseppe Tucci. Venerdì 27 settembre, ore 17, in via Torino, 8, abbiamo ricordato la sua lezione e raccontato la sua storia: «Luciano Petech. Dall’Istria alle Civiltà dell’Asia». Sono intervenuti la presidente Chiara Vigini, la professoressa Giacomella Orofino (Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"), la dottoressa Diana Petech.

Qualche approfondimento, in Rete: Wiki en / Tibetan & Himalayan Library / "La voce del popolo" / ANVGD / Treccani.

Luciano Petech

Share

27 maggio, presentazione libro "Pietra su pietra. L'architettura tradizionale in Istria" di Roberto Starec

L'Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata di Trieste, in collaborazione con il Centro di Ricerche Storiche di Rovigno, presenterà il volume postumo di Roberto Starec Pietra su pietra. L'architettura tradizionale in Istria, Collana degli Atti del CRS, lunedì 27 maggio 2013 alle ore 17.30 nella sala al piano terra del Civico Museo della Civiltà istriana, fiumana e dalmata, via Torino 8, a Trieste.
Introdurrà Chiara Vigini. Ne parleranno Giovanni Radossi, Piero Delbello, Gian Paolo Gri e Rino Cigui.

Ingresso libero.

Share

23 maggio, conferenza "La Pittura 'a fresco' del XV sec. nel Capodistriano" e "Gli assalti alle mura di Capodistria nel Medioevo"

Giovedì 23 maggio, alle ore 18.00, presso la sala al piano terra del Civico Museo della Civiltà Istriana, fiumana e dalmata di via Torino 8 (Trieste), a cura dell’Associazione degli Onorevoli Colonnelli del Kentucky-Sezione di Trieste, con il patrocinio dell’I.R.C.I. e della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del FVG, si terrà una conferenza su “La Pittura ‘a fresco’ del XV sec. nel Capodistriano” e “Gli assalti alle mura di Capodistria nel Medioevo”.

Ne parlerà Alessandro Delbello; interverranno Chiara Vigini (Presidente dell’I.R.C.I.) e Claudio Barbieri (Storico d’Arte-Direzione Regionale).

Ingresso libero.

 

La prima parte della conferenza tratterà  gli affreschi del XV secolo di alcune zone del Capodistriano. Si tratta della naturale evoluzione conoscitiva della conferenza del 2012, in cui furono illustrate le caratteristiche di alcuni  affreschi poco conosciuti  dell’Istria sudoccidentale, risalenti al XII, XIII e XIV secolo.

In questa nuova occasione si inizierà con le immagini delle pitture murali della pieve di Sant’Elena a Gradischie di San Canzian,  poi con quelle di Sant’Elena di  Popecchio e quindi con quelle relative  alla famosa Chiesa fortificata della SS. Trinità a Cristoglie. Sono tutte opera di Giovanni da Càstua, risalenti alla fine del XV secolo,   discepolo della  scuola pittorica  carinziana-tirolese-boema dell’inizio del XV secolo, ed in tale ottica saranno illustrati i parallelismi figurativi con gli affreschi di Thorl, Maria Saal e Mettnitz in Carinzia.  A conclusione della prima parte vi sarà  una  rappresentazione delle pitture murali nella lontana e isolata  Chiesa romanica di S. Stefano a Sanigrado. Sono affreschi  di scuola pittorica veneziana, e di rara e magnifica particolarità.

La seconda parte della conferenza riguarderà i numerosi assalti e assedi che la fortificata Capodistria subì dal XIII al XVII secolo, quando era di fatto un’isola. Ne saranno illustrati i particolari storici che hanno caratterizzato quegli eventi, con accenni alle numerose ricostruzioni della cinta muraria che di volta in volta hanno seguito l’evolversi dell’architettura militare dell’epoca.

 

 

 

 

 

Share

20 maggio, primo incontro di riflessioni in previsione dell'entrata della Croazia nell'Unione Europea

Nell'imminenza dell'entrata della Croazia nell'Unione Europea, l'Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata vuole analizzare ed approfondire il ruolo che i giuliani hanno nella nuova fisionomia delle terre dell'Adriatico orientale. 
Il primo incontro della serie di iniziative legate a questo tema si terrà
lunedì 20 maggio 2013 alle ore 17.30
presso la sala del Museo della civiltà istriana fiumana e dalmata di via Torino.
 
 In particolare le conseguenze economiche della nuova situazione verranno analizzate con una riflessione di apertura di Giorgio Tessarolo.
 
 L'occasione sarà favorevole anche per iniziare le manifestazioni relative al trentennale dell'Istituto che cade proprio in quest'anno 2013.
 

Per info:
I.R.C.I. - Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata
via Duca d'Aosta, 1
34123 Trieste
tel. 040.639188
fax 040.639188
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Share
Altri articoli...
Italian - Italy
acquistare viagra generico online dove comprare viagra in italia comprare viagra on line senza ricetta viagra prezzo in farmacia