Home Notizie

Notizie

6 luglio ore 17.00: INAUGURAZIONE MOSTRA "Satira disegnata in una città di frontiera. KOLLMANN&JOSE' per Carpinteri&Faraguna"

Ritorna sulla scena “La Cittadella”, il settimanale satirico di Carpinteri & Faraguna con le vignette di Josè e Kollmann.  Si inaugura venerdì  6 luglio alle ore 17.00 nella sede del Civico Museo della Civiltà istriana, fiumana e dalmata di via Torino 8 a Trieste, la mostra  dal titolo “Satira disegnata in una città di frontiera. Kollmann&Josè per Carpinteri&Faraguna”. L’ha realizzata Piero Delbello, attingendo all’archivio dell’I.R.C.I. – Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata, dove sono custodite in originale più di cinquemila tavole firmate da Josè Talarico e Renzo Kollmann. Per l’occasione il quotidiano triestino “Il Piccolo”, che per più di mezzo secolo ha ospitato “La Cittadella” nell’edizione del lunedì, uscirà in edicola con un supplemento di otto pagine dedicato a questa iniziativa. “La Cittadella” nata nel 1947 e  uscita di scena nel 2001, ha segnato la stagione d’oro dell’editoria non solo satirica triestina, quando del futuro della città i vincitori del conflitto discutevano all’Onu. Dello spirito di quegli anni e dei successivi  avvenimenti, Lino Carpinteri e Mariano Faraguna furono testimoni e interpreti straordinari e inimitabili per puntualità,  “verve” e  irriverenza  per il potere, qualunque potere.  

 

La mostra, accompagnata da un catalogo di 300 pagine, sarà aperta al pubblico dal 7 luglio al 5 agosto e dal 7 al 30 settembre.   Orario: dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 18.30. Domenica dalle 10 alle 13. Ingresso libero.

 

Per info:

I.R.C.I.

via Duca d’Aosta, 1

34123 Trieste

tel. 040.639188

fax 040.639161

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Share

Conferenza prof. Marco Piccat "Cronaca e letteratura nei documenti medioevali istriani", 4 luglio - ore 18.00

Mercoledì 4 luglio alle ore 18.00 nella Sala “Alida Valli” sita al terzo piano del Civico Museo della Civiltà istriana, fiumana e dalmata di via Torino 8 a Trieste, il prof. Marco Piccat, già Direttore del Dipartimento di Filosofia, Lingue e Letterature Straniere di Trieste, attualmente docente presso l’Università di Torino e Parigi, terrà una conferenza dal titolo “Cronaca e letteratura nei documenti medioevali istriani”.
 
 
La manifestazione si tiene per iniziativa e in collaborazione con il Comitato della Società Dante Alighieri di Trieste.
L’invito è esteso a tutti gli interessati.
 
L’ingresso è libero.
 
 
Share

Composizione degli organi sociali per il triennio 2012-2014

L'Assemblea Generale dei Soci dell'I.R.C.I., riunitasi in data 19.04.2012, ha eletto i membri degli organi d'Istituto per il triennio 2012-2014 che risultano così composti:

Presidente: Chiara Vigini

Vice Presidente: Sindaco del Comune di Trieste o suo Delegato

Tesoriere: Stefano Nedoh

Segretario: Raoul Pupo

Membri del Consiglio Direttivo: - Presidente della provincia di Trieste o suo Delegato

                                          - Livio Dorigo

                                          - Massimiliano Lacota

Collegio dei Revisori dei Conti: Piero Colavitti (Presidente), Renzo Codarin, Manuele Braico

Collegio dei Probiviri: Guido Brazzoduro, Luca Coslovich, Licia Giadrossi

Share

Presentazione "ITALIA ILLYRICA" di Natale Vadori - gioved' 26 aprile alle ore 17.30

Si terrà giovedì 26 aprile alle ore 17.30, presso la Sala “Alida Valli” del Civico Museo della Civiltà istriana, fiumana e dalmata di Trieste, in via Torino 8, la presentazione del volume di Natale Vadori

ITALIA ILLYRICA ovvero Glossario degli esonimi italiani di Illiria, Mesia e Tracia

Ne parlerà il prof. Luciano Rocchi. Sarà presente l’Autore.

Si tratta di un’approfondita e dettagliata raccolta di circa 40.000 toponimi dalla Dalmazia al Mar Nero in italiano e nelle lingue locali, che include le varianti amministrative, locali, erudite, storiche e comprensive del nome degli abitanti.

Nelle appendici la toponomastica slovena del Friuli Venezia Giulia e croata ed albanese delle località italiane ove queste minoranze siano ufficialmente riconosciute; le variazioni storiche delle denominazioni italiane della Venezia Giulia, delle denominazioni toponomastiche ed amministrative delle località illiriche nelle lingue locali, come anche nell’eventuale loro corrispettivo italiano.

Uno strumento essenziale per relazionarsi con i Paesi dell’Adriatico Orientale, oramai inseriti in un contesto di integrazione europea.

 

Breve nota sull'Autore:

Natale Vadori, San Vito al Tagliamento 1962, slavista e traduttore, già docente di croato e serbo all’Università di Trieste (SSLMIT), ha pubblicato, sempre per Ellerani Editore, il compendio di geografia fisica dell’Europa centro-orientale, della Siberia e del Caucaso “da Trieste a Vladivostok” (2011); in corso di pubblicazione il glossario di toponomastica italiana di Grecia, Cipro e Turchia “Italia Ægæa”, compilato con Umberto Cini.

 

 

 

 

Share

Mostra "LEGA NAZIONALE 120. Dal Futurismo alla Lega Nazionale in corpo 12"

Dal 13 aprile al 13 maggio 2012, presso gli spazi espositivi al piano terra del Civico Museo della Civilt? istriana, fiumana e dalmata di via Torino 8 a Trieste, ? possibile visitare la mostra "Lega Nazionale 120. Dal Futurismo alla Lega Nazionale in corpo 12", realizzata dalla Lega Nazionale in collaborazione con l'I.R.C.I. per le celebrazioni del 120° anniversario dalla fondazione del Sodalizio. L'esposizione, ideata e curata da Piero Delbello con la collaborazione di Elisabetta Pross e l'allestimento di Athos Pericin, grazie al fondamentale supporto del "Gruppo Volontari I.R.C.I." ? visitabile, gratuitamente, ogni giorno, dal luned? al sabato dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 18.30, la domenica dalle 10.00 alle 13.00.

------------------------------------------------------------------------

Ricordare i 120 anni della Lega Nazionale significa anche dare un ulteriore contributo ai festeggiamenti per i 150 anni dell’Unit? d’Italia. ? per questo che si ? allestita una mostra che d? il segno di come, al confine orientale, nelle Terre Irredente, si sia guardato alla madre patria  non solo con l’affetto del figlio lontano ma anche con reali attivit? a difesa della lingua e dell’italianit? della nostra provincia. “LEGA NAZIONALE 120. 1891-2011”, poi, oltre a ricordare i 120 anni di vita e attivit? della Lega Nazionale, entra in un percorso, basato soprattutto sul recupero dell’immagine, che va in ideale continuit? con la mostra “GLI UNNI … E GLI ALTRI. SATIRA E PROPAGANDA  PER LE TERRE IRREDENTE (1900-1920)”, appena conclusa, ed in cui gi? una parte le era stata dedicata. La pubblicit?, per il prodotto commerciale, e la propaganda, per la diffusione dell’idea, viaggiano preferibilmente accompagnate o meglio, vestite, dall’immagine spesso opera di grandi illustratori. Per il primo quindicennio del ‘900 sar? proprio la Lega Nazionale con i suoi calendari, le cartoline - con vendita ad offerta a vantaggio del sodalizio- ad illustrare la difesa della lingua grazie ai migliori pittori locali (e non solo). Cos? viaggeremo attraverso il segno grafico di Glauco Cambon e delle sue campiture piatte, la squisita raffinatezza di Argio Orell, l’onirismo di Vito Timmel, senza scordare i contributi di Pietro Fragiacomo, di Ugo Flumiani o quelli di Carlo Wostry. Dal 1900 sino a tutti gli anni ’20, il meglio della nostra pittura dar? il suo contributo alla Lega Nazionale: con Pollione Sigon, Pietro Coelli o l’indecifrabile Fracchia, meno noti, ma spesso non meno bravi, a metterci anche del loro. Saranno cartoline e calendari di qualit? e avranno il loro apice nel calendario di Guido Marussig, quello per il 1928, l’ultimo prima che tutto passi all’Opera Balilla. Ma nel frattempo avremmo passato altri buoni momenti anche grazie agli artisti trentini: Bonazza, Tevini, Moggioli sveleranno situazioni grafiche secessioniste di spessore e, non ultimo, un giovane Depero, non ancora futurista, disegner? per gli Studenti Tecnici, sempre per la Lega Nazionale, intimando il risveglio. Accanto a tali aspetti prettamente artistici con l’esposizione di centinaia di reperti originali, verranno evidenziati, con placati, documenti e fotografie, i diversi momenti della vita della Lega Nazionale: dalla nascita al primo scioglimento (1891-1915), al primo dopoguerra (1919-1928), sino alla rinascita (1946) in difesa dell’italianit? di Trieste (difesa con il sangue, quello dei tanti feriti fra il 1945 e il 1953, con il culmine dei sei caduti del 1953) e di tutta la Venezia Giulia nel secondo dopoguerra in un percorso che arriva ai giorni nostri ed all’attuale attivit?  del sodalizio. Ma il gioiellino che si ha occasione di offrire al pubblico in questa occasione ? la “cartella Pavanello”, come l’ha chiamata il curatore della mostra e direttore dell’IRCI, Piero Delbello. Si tratta di un incartamento che contiene parte degli autografi e della corrispondenza che stanno alla base del volume “Per un grande amore”, uscito nel 1913 e curato da alcuni Studenti Tecnici delle statali appena licenziati, di cui l’anima ? il giovane Pompeo Pavanello, che venne messo in vendita a vantaggio della Lega Nazionale. Un volume basato su 45 contributi sia dei migliori letterati locali e che di importanti poeti, scrittori, studiosi nazionali. Da Silvio Benco a Filippo Tommaso Marinetti, da Camillo Antona Traversi a Biagio Marin, da Napoleone Colajanni e Tino Gavardo, e cos? via, molti furono coloro che aderirono alla richiesta degli Studenti Tecnici e inviarono un loro contributo per l’opera che si sarebbe venduta “a vantaggio della Lega Nazionale”.

 

Share
Altri articoli...
Italian - Italy
acquistare viagra generico online dove comprare viagra in italia comprare viagra on line senza ricetta viagra prezzo in farmacia