Visite guidate al “Magazzino 18” e alla prima parte del nuovo Civico Museo della civiltà istriana, fiumana, dalmata presso il polo museale del Magazzino 26

Visite in occasione del "Giorno del Ricordo":

  • sabato 11 febbraio alle ore 12.00 e alle ore 15.30
  • martedì 14, giovedì 16 e sabato 18 febbraio alle ore 16.00
  • mercoledì 15 e venerdì 17 febbraio alle ore 10.30

Si avvisa che i posti disponibili sono limitati tuttavia è sempre possibile contattare il numero e l'idirizzo mail riportati qui di seguito per inserirsi nella lista d'attesa qualora venisse raggiunto il numero massimo di partecipanti.

Read more: Visite guidate al “Magazzino 18” e alla prima parte del nuovo Civico Museo della civiltà istriana,...

MARINAI DELLE VECCHIE PROVINCE FRA I GHIACCI

MARINAI DELLE VECCHIE PROVINCE FRA I GHIACCI

A 150 anni dalla Spedizione Polare nella Terra di Francesco Giuseppe

dal 11 novembre al 29 gennaio 2023

La fama di abili marinai delle genti istriane, fiumane e dalmate è ben nota, e fra loro le storie di quanti percorsero i mari dell’Adriatico, del Levante ed anche dell’Estremo Oriente, non si contano. Fanno parte della tradizione locale, dell’identità di un popolo affacciato sul mare, e che sin dai tempi della Serenissima Repubblica di Venezia sul mare visse la sua grande epopea.

All’apparenza questa tradizione marinara sembra essere stata sempre indirizzata ai caldi mari del sud, ma non è così. Triestini, istriani, fiumani e dalmati seppero farsi onore pure fra i ghiacci dell’Artico, così estranei ai luoghi in cui erano nati e vissuti, e in tali occasioni il loro valore stupì il mondo.

Per comprendere questa storia bisogna partire da lontano ed esattamente da quando, conclusesi le guerre napoleoniche, l’Impero d’Austria poté estendere il proprio dominio sui territori costieri dell’Adriatico già facenti parte della Serenissima dando, già nel 1816 l’avvio della sua prima spedizione scientifica via mare. Meta il lontano Brasile, e per gli ufficiali e marinai che vi presero parte fu la loro prima esperienza transoceanica.  Seguirà, negli anni 1857-1859, la ben più nota crociera attorno al mondo della fregata Novara, e da allora spedizioni scientifiche via mare poste in essere dalla Marina austriaca si susseguiranno fino a raggiungere una cadenza annuale, contribuendo in maniera sostanziale ad arricchire le collezioni dei musei di tutta l’Europa Centrale.

In Austria, e di conseguenza negli istituti scientifici sorti lungo le sue coste, l’interesse per i mari ghiacciati dell’Artico venne dalla vicina Germania e anzi, dopo i fallimenti delle spedizioni polari poste in essere dai cugini tedeschi, fra Vienna e Trieste sorse l’idea di fare in proprio e meglio.

Nacque così, dopo una piccola spedizione ricognitiva realizzata nel Mare di Barents, nel 1871, la Spedizione Polare austro-ungarica del 1872, ideatore e comandante della stessa il tenente di vascello di origine tedesca ma naturalizzato triestino Carl Weyprecht, che mettendosi contro tutti gli opinionisti dell’epoca, che reputavano i marinai nordici gli unici in grado di affrontare i ghiacci polari, decise di avvalersi per l’impresa in programma di una ciurma ingaggiata dal suo collega e amico Heinrich von Littrow, l’unico che condivideva il suo punto di vista, a Fiume. Un misto di triestini, istriani, fiumani e dalmati si trovò così catapultato in mezzo agli “orrori dei ghiacci e delle tenebre”, come gli chiamerà più tardi lo scrittore austriaco Christoph Ransmayr, dove per oltre due anni, compresi due terribili inverni, dovranno lottare per la loro stessa vita, senza mai un cedimento e anzi, avendo ancora la forza di esplorare a piedi, fino al capo settentrionale dell’Eurasia, l’arcipelago ghiacciato da essi scoperto, la “Terra di Francesco Giuseppe”. Persa la Admiral Tegetthoff, la nave della spedizione, nell’estate del 1874 a questi marinai non restò altra scelta se non quella di cercare di rientrare, con una marcia sulla banchisa spaccata e in continuo movimento che ha dell’incredibile, verso le coste russe, e anche il successo di questa ritirata, all’apparenza impossibile, stupì il mondo. Non era nemmeno ancora rientrato a Trieste che Carl Weyprecht già meditava una nuova impresa fra i ghiacci: un anno intero di ricerca nelle regioni polari, tramite una rete di stazioni da realizzarsi con un trattato internazionale, sottoscritto da una pluralità di Stati. Nasceva, così, quella che oggi chiamiamo “ricerca scientifica internazionale”. Ancora una volta i marinai delle “Vecchie Province” furono chiamati occupare, per un anno intero, la stazione austriaca realizzata sull’isola di Jan Mayen e altri marinai, formanti l’equipaggio della nave ausiliaria Pola, affrontarono i ghiacci – rivelatici ben ostici – che ostacolavano lo sbarco sull’isola. Questi successi delle genti marinare dell’Adriatico portarono, nel 1900 e poi nel 1901, Enrico di Borbone – Parma che a Trieste era di casa e qui aveva i suoi lussuosi Yachts, ad avvalersi ancora una volta di marinai locali per le sue spedizioni alle Spitzbergen e, infine, marinai delle “Vecchie Province” formavano la gran parte dell’equipaggio della Lloydiana Thalia, la prima nave da crociera della storia che ogni estate, e così fino allo scoppio della Grande Guerra, conduceva i suoi facoltosi ospiti in un viaggio che, partendo da Trieste, dopo aver visitato le principali località del Medio Oriente, dell’Africa mediterranea e della costa atlantica europea raggiungeva le lontane Spitzbergen, oggi Svalbard, visitate fin oltre gli 80° di latitudine Nord dove la banchisa, fattasi compatta, impediva ogni prosieguo. Conclusesi le due guerre mondiali con le sue conseguenze, abbattutesi in modo particolarmente doloroso proprio su queste terre, ricercatori dell’Università e degli istituti di ricerca di Trieste, non di rado originari pure delle terre perdute dall’Italia, hanno ripreso a operare nelle regioni polari, distribuiti fra varie navi da ricerca – in particolare la OGS Explora e la Italica, fino alla più recente Laura Bassi – e le stazioni Mario Zucchelli e  Concordia, facendosi onore operando pure su navi di ricerca e stazioni straniere.

Concludiamo riportando quanto Isabel Burton, moglie dell’esploratore e orientalista Sir Richard Burton (Torquay 1821 – Trieste 1890), ebbe a scrivere in merito ai marinai qui definiti “dalmati” ma, in realtà, comprendenti tutti quelli che furono, e continuano a essere, i protagonisti della nostra storia:

“Noi generalmente prendiamo le navi del Lloyd Austriaco perché sono le migliori: la cucina è all’italiana, c’è pulizia e una certa raffinatezza nei servizi. Sono navi sicure e il personale, per lo più dalmata, appartiene ad una intrepida razza marinara, quieta, docile, sobria, vigorosa, onesta, civile e che sa soprattutto tenere la nave con il mare grosso. Nelle notti di calma, con la luna crescente, guardando la stella che li protegge, pur senza la guida di un maestro, i canti della ciurma dalmata superano certi cori d’opera lirica. Sono marinai sicuri tutti d’un pezzo, allegri nel tempo buono, lavoratori indefessi fino all’eroismo nel tempo avverso e nella tempesta, e non bevono mai”.

 

SAILORS OF THE OLD PROVINCES AMIDST THE ICE

150 years after the Polar Expedition to the Land of Franz Joseph

from 11 November to 29 January 2023

 

The fame of skilful sailors of the Istrian, Fiuman and Dalmatian people is well known, and among them, the stories of those who sailed the seas of the Adriatic, the Levant and even the Far East are uncountable. They are part of the local tradition, of the identity of a people facing the sea.  Since the time of the Serenissima Republic of Venice they have lived their great epic deeds on the sea.

Apparently, this seafaring tradition seems to have always been directed towards the warm seas of the south, but this is not the case. The people of Trieste, Istria, Fiume and Dalmatia knew how to distinguish themselves even among the Arctic ice, so foreign to the places where they were born and lived, and on such occasions their valour surprised the world.

In order to understand this story, we must start from afar, and precisely from the time when, after the Napoleonic wars were over, the Austrian Empire was able to extend its dominion over the coastal territories of the Adriatic that were already part of the Serenissima, and in 1816 it launched its first scientific sea expedition. Its destination was far-off Brazil, and for the officers and sailors who took part, it was their first transoceanic experience.  This was followed, in the years 1857-1859, by the much better-known round-the-world cruise of the frigate Novara, and from then on, scientific sea expeditions by the Austrian Navy would follow one after the other until they reached a yearly schedule, contributing substantially to enriching museum collections throughout Central Europe. In Austria with scientific institutes established along its shores, interest in the icy seas of the Arctic came from neighbouring Germany, and in particular after the failures of the polar expeditions undertaken by their German cousins, the idea arose between Vienna and Trieste to do their own and better. And so, after a small reconnaissance expedition carried out in the Barents Sea in 1871, the Austro-Hungarian Polar Expedition took place in 1872. It was planned and lead by the German-born but naturalised Triestine vessel lieutenant Carl Weyprecht, who went against all the opinion-makers of the time, as they considered Nordic sailors to be the only ones capable of tackling the polar ice. He decided to use a crew hired by his colleague and friend Heinrich von Littrow, the only one who shared his point of view, in Fiume, for the planned venture. A mixture of people from Trieste, Istria, Fiume and Dalmatia thus found themselves catapulted into the midst of the ‘horrors of ice and darkness’, as the Austrian writer Christoph Ransmayr would later call them, where for over two years, including two terrible winters, they had to fight for their very lives, never giving up and indeed still having the strength to explore on foot the frozen archipelago they had discovered, ‘the Land of Franz Joseph’, up to the northernmost tip of Eurasia. Having lost Admiral Tegetthoff, the ship of the expedition, in the summer of 1874 these sailors were left with no choice but to try to return, marching over the cracked and constantly shifting ice floe to the Russian coast. The success of this seemingly impossible retreat astonished the world. Carl Weyprecht had not even returned to Trieste that he was already considering a new venture among the ice: a whole year of research in the polar regions, through a network of stations to be created with an international treaty, signed by a plurality of states. This was the birth of what we now call ‘international scientific research’. Once again, sailors from the ‘Old Provinces’ were called upon to occupy the Austrian station set up on the island of Jan Mayen for a whole year, and other sailors, forming the crew of the auxiliary ship Pola, braved the ice that greatly hindered landing on the island. These successes of the seafaring peoples of the Adriatic led, in 1900 and then in 1901, Henry of Bourbon-Parma, who felt at home in Trieste and had his luxurious yachts here, to once again recruit local sailors for his expeditions to Spitzbergen. Finally, sailors from the ‘Old Provinces’ formed the majority of the crew of the Lloyd’s Thalia, the first cruise ship in history, which sailed every summer, and so until the outbreak of the Great War, to take its wealthy guests on a long voyage. The ship after visiting the main locations in the Middle East, Mediterranean Africa and the European Atlantic coast, left from Trieste to reach the distant Spitzbergen islands, today Svalbard, as far as 80° North latitude where the compact ice shelf prevented any further sailing.

After the end of the two world wars and their consequences, which were particularly painful for these lands, researchers from the University and research institutes of Trieste, often coming from the lands lost by Italy, resumed their work in the polar regions and went on board of various research ships - in particular the OGS Explora and Italica, and the more recent Laura Bassi. They made a name for themselves by working at the Mario Zucchelli and Concordia stations as well as on foreign research ships and stations. We would like to conclude by quoting what Isabel Burton, wife of the explorer and orientalist Sir Richard Burton (Torquay 1821 - Trieste 1890), wrote about the sailors defined here as ‘Dalmatians’ but, in reality, including all those who were, and continue to be, the protagonists of our history:

“We generally take Austrian Lloyd ships because they are the best: their cuisine is Italian style, they are clean and service is rather refined. They are safe ships and the personnel, mostly Dalmatian, belong to an intrepid seafaring race, quiet, docile, sober, vigorous, honest, civilised and above all able to hold the ship in rough seas. On calm nights, with the crescent moon, watching the star that protects them, even without the guidance of a master, the songs of the Dalmatian crew surpass certain opera choruses. They are sure-footed sailors all of a piece, cheerful in good weather, hard-working to the point of heroism in stormy weather, and they never drink”.

CHERSO IN POSA. Un archivio fotografico ritrovato

CHERSO - Un archivio ritrovato

dal 1 luglio al 31 luglio 2022

Da cento lastre fotografiche ricuperate da una discarica posta sull’isola di Cherso, hanno preso forma un libro e una mostra che oltre a raccontare di questo salvataggio, mostrano come si viveva nei primi anni del Novecento sull’isola del Quarnero ma anche a Trieste. Cherso emerge in modo prepotente in tutta la sua bellezza e complessità mediterranea: ulivi, pecore, agnelli, cavalli, buoi, piroscafi si alternano a gruppi familiari, donne eleganti, marinai, bambini, biciclette e un mare magnifico.

Le lastre fotografiche sono state trovate nella discarica da un curioso ristoratore. Sanjin Muscardin, un apprezzato oste di Cherso, si è inchinato, ha aperto una delle scatole di cartone maltrattate dal sole e dalla pioggia, ha preso delicatamente in mano una delle lastre e l’ha alzata verso il cielo per vederla in trasparenza. Ed è incominciata questa storia, questo viaggio nel tempo.

All’interno di alcune scatole, un certo numero di negativi in vetro si era spezzato. Altri si erano invece salvati. Tra quelli “integri” vi sono due magnifiche lastre a colori realizzate a Trieste all’inizio del Novecento col metodo “Autochrome Lumiere”. Costituiscono una rarità, un tesoro, perché l’uso di queste lastre a colori era limitato visti i loro costi  e la loro scarsa sensibilità che non consentiva di riprendere soggetti in movimento: inevitabilmente sarebbero risultati “mossi”.

La prima immagine a colori mostra la Lanterna posta al limite della Sacchetta: i colori sono tenui, delicati; la seconda lastra “Autochrome” ha per soggetto una giovane donna con un mazzo di fiori rossi. Accanto il fotografo le ha posto una pianta di un verde intenso. Un artificio cromatico sofisticato e consapevole. Queste due immagini consentono di sostenere che il loro autore, purtroppo anonimo, è stato un fotografo tecnicamente curioso per le innovazioni tecniche e ben disposto a sperimentare e a spendere. Ognuna di queste lastre a colori costava da 10 o 20 volte una in bianco e nero. Anche le altre immagini avvalorano l’attività di un autore con una solida conoscenza della tecnica di ripresa e di un gusto compositivo tutt’altro che disprezzabile.

Nel verso opposto solo uno sparuto gruppo di immagini mostra qualche intento “creativo”. In una delle lastre lo stesso giovane con la paglietta sul capo compare tre volte. Forse si tratta di un errore, di una lastra esposta tre volte. Ma un dubbio resta, forse è un solitario esperimento. Certo è che l’insieme delle cento lastre raccontano la vita di una famiglia della buona borghesia degli inizi del Novecento, vista con gli occhi di uno dei suoi componenti, appassionato fotografo dilettante.

La vita di queste persone è stata ripresa in situazioni diverse che messe le une accanto alle altre consentono una datazione precisa. Una parte delle foto è stata scattata quando l’isola apparteneva all’Impero Austro - Ungarico. Lo dimostrano le bandiere della duplice monarchia esibite da un gruppo di ragazzini immersi fino alla cintola in mare; poi quella bandiera esce di scena ed è sostituita al termine della guerra dal tricolore italiano. Successivamente a Cherso e non solo, i colori sarebbero cambiati ancora.

Decine di lastre mostrano quale fosse all’epoca la vita sull’isola. Barche, bagni di mare e di sole, piccole baie, acqua cristallina, giovani donne immerse nell’acqua. Tra le immagini si segnalano un paio di scatti realizzati nella piazza principale della cittadina davanti al Cafè Restaurant Ponte: sulla facciata dell’edificio si legge “viva l’Italia”, una scritta dipinta in vernice nera. Tanta gente è radunata in attesa, mentre alle finestre sono esposti i tricolori.

Fin qui le manifestazioni pubbliche: più spazio è dedicato alla dimensione privata dove due ragazze sono sedute davanti alla tastiera del pianoforte. Poi si ammirano libri esibiti da un giovane con le unghie tanto curate e lunghe da sembrare quelle di un’elegante madame. C’è anche un fotografo che usa lo specchio per ritrarsi da solo, un astronomo dilettante ripreso accanto a uno splendido strumento, cristalli e argenti schierati su tavoli su cui si affacciano i componenti della famiglia. Dettagli di un mondo che non c’è più se non nelle immagini realizzate in quegli anni.

 

CHERSO - archive found

from July 1th to July 31th 2022

From one hundred photographic plates recovered from a rubbish dump on the island of Cherso (Cres), a book and an exhibition have taken shape, which not only tell of this successful retrieval, but also show what life was like in the early 20th century on the Kvarner island as well as in Trieste. Cherso emerges powerfully in all its Mediterranean beauty and complexity: olive trees, sheep, lambs, horses, oxen, steamships alternate with family groups, elegant women, sailors, children, bicycles and a magnificent sea.

The photographic plates were found in the dump by a curious restaurant owner. Sanjin Muscardin, a popular innkeeper from Cherso, bent down, opened one of the cardboard boxes battered by the sun and rain, gently took one of the plates in his hand and lifted it up to the sky to see it in transparency. And this story, this journey through time, began.

Inside some of the boxes, a number of glass negatives had broken. Others had survived. Among those ‘intact’ there are two magnificent colour plates made in Trieste at the beginning of the 20th century using the ‘Autochrome Lumiere’ method. They are a rarity, a treasure, because the use of these colour plates was limited given their cost and their low sensitivity, which did not allow moving subjects to be photographed: they would inevitably turn out ‘blurred’.

The first colour image shows the Lanterna on the edge of the Sacchetta: the colours are soft, delicate; the second ‘Autochrome’ plate has as its subject a young woman with a bouquet of red flowers. Next to her, the photographer placed an intensely green plant. A sophisticated and conscious chromatic artifice. These two images enable us to claim that their author, unfortunately anonymous, was a photographer who was curious about technical innovations and willing to experiment and spend. Each of these colour plates cost 10 to 20 times as much as a black and white one. The other images also provide evidence of the work of an author with a thorough knowledge of shooting technique and a compositional taste that was anything but despicable.

In the opposite direction, only a sparse group of images shows some ‘creative’ intent. In one of the plates, the same young man with a straw hat on his head appears three times. Perhaps this is a mistake, one plate being exhibited three times. But a doubt remains, perhaps it is a solitary experiment. What is certain is that the hundred plates as a whole tell the story of the life of a middle-class family in the early 20th century, seen through the eyes of one of its members, a keen amateur photographer.

The lives of these people were filmed in different situations which, placed side by side, allow for precise dating. Some of the photos were taken when the island belonged to the Austro-Hungarian Empire. This is evidenced by the flags of the dual monarchy displayed by a group of children waist-deep in the sea; then that flag disappeared and was replaced at the end of the war by the Italian tricolour. Later, on Cherso and beyond, the colours would change again.

Dozens of plates show what life was like on the island at that time. Boats, sea and sunbathing, small bays, crystal-clear water, young women immersed in the water. Among the pictures are a couple of shots taken in the town’s main square in front of the Café Restaurant Ponte: the façade of the building reads ‘viva l’Italia’, an inscription painted in black paint. Many people are gathered in anticipation, while tricolours are displayed in the windows.

So far the public events: more space is devoted to the private dimension where two girls are seated in front of the piano keyboard. Then there are books displayed by a young man with nails so manicured and long that they look like those of an elegant madame. There is also a photographer who uses a mirror to portray himself, an amateur astronomer filmed next to his wonderful tool, crystals and silverware lined up on tables over which family members stand. Details of a world that no longer exists except in the images taken in those years.

TESORI. Memorie ritrovate, memorie conservate

TESORI

Memorie ritrovate, memorie conservate

Il patrimonio dell'Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata

dal 5 agosto al 30 ottobre 2022

Un popolo sradicato dalla sua terra,

allontanato da una vita che per generazioni e generazioni scandiva il legame fra l’uomo e il territorio, un popolo disperso, poi, con un esodo quasi totale in ogni angolo d’Italia, e, in seconda battuta, anche dovunque nel mondo, è un popolo ammazzato dalla storia. Non si perpetuano le tradizioni, non c’è memoria che regge in maniera solida e continuativa se ciò che si ripeteva per secoli non può più ripetersi perché manca quella terra sotto i piedi. Manca quella casa, manca quel paese, mancano quegli affetti e quelle circostanze che paiono banali finché le vivi. Ma diventano croce lancinante quando non puoi averle più.

È questa la storia della nostra gente

che, dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, dovette abbandonare tutto e andare esule via dall’ISTRIA, da FIUME e dalla DALMAZIA perché quelle terre non erano più Italia.

Una storia che non ha più storia

perché una volta cancellata con violenza la quotidianità, si passa, molto spesso, alla memoria silenziosa. Quella di cui non parli. Neanche con i figli. A questo punto e infine, la nostra, è una memoria perduta.

Nel recupero e nella conseguente conservazione di una memoria che non c’è più, sta il senso di questo Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata (IRCI) che da quando è nato ha il compito di recuperare, conservare e studiare ogni tratto della storia di queste terre e della nostra gente. E allora?

Tutto parte attorno al 1989 …

e va al recupero delle masserizie degli esuli nostri depositate da troppi anni e, a questo punto, ormai abbandonate, in un magazzino del Porto vecchio di Trieste. Le masserizie sono quell’insieme di quotidiano che gli esuli portarono con sé: mobili suppellettili, libri, oggetti di casa e di lavoro … costituiscono il primo concreto patrimonio dell’IRCI. Da allora in poi con donazioni, acquisizioni, recuperi si sono costituiti archivi storici e biblioteca: l’Istituto è diventato il luogo, anche, dove costruire la grande pinacoteca dell’arte delle nostre terre, il gabinetto delle stampe e delle carte geografiche, quello delle fotografie. Il luogo di ogni nostra “memorabilia”, da intendersi come oggetti, reperti, lacerti, in qualche caso, in vario modo legati a fatti o alle persone delle nostre terre. È il luogo dove far rinascere l’anagrafe dell’identità istriana, fiumana e dalmata.

Qua, adesso, con questa mostra e con il volume TESORI, si intende mostrare al pubblico un poco di tutto il patrimonio che, da quel 1989, l’Istituto è riuscito a costituire.

Il libro e l’esposizione siano di stimolo a tutti perché chi non sa possa conoscere la storia di un popolo disperso e chi, in un modo o nell’altro, è parte (o partecipe) di questo popolo possa ritrovare sé stesso. Qua, all’IRCI. Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata.

Perché noi, esuli istriani, fiumani, dalmati,

CI SIAMO ANCORA.

 

 

 

 

TESORI

Memories rediscovered, memories preserved

The heritage of the Regional Institute for Istrian-Fiuman-Dalmatian Culture

from August 5th to October 30th 2022

A population uprooted from its land,

displaced from a life that for many generations shared the bond between man and the land, and then dispersed through a mass exodus to every corner of Italy and then scattered across all continents, it is a population killed by history. Traditions are not carried on, there is no memory that holds solidly and continuously if what was repeated for centuries can no longer be repeated because that land is missing from under one’s feet. That house is missing, that country is missing as well as those affections and circumstances that seem trivial as long as you live them. But they become an excruciating cross when you can no longer have them.

This is the history
of our people

who, after the end of the Second World War, had to abandon everything and go in exile away from ISTRIA, FIUME and DALMATIA because those lands were no longer Italy.

A history that 

A history that has no history left because once everyday life has been violently erased, we pass, very often, to silent memory. The one you don’t talk about. Not even with your children. At this point and finally, ours is a lost memory.

In the recovery and consequent preservation of a memory that no longer exists, lies the sense of this Regional Institute for Istrian-Fiuman-Dalmatian Culture (IRCI), which since its inception has had the task of recollecting, preserving and studying every part of the history of these lands and of our people. So…

It all started around 1989 ...

with the recovery of the household goods of our exiles that had been stored for too many years and now abandoned in a warehouse in the Old Port of Trieste. The household goods are a collection of everyday items that the exiles brought with them: furniture, furnishings, books, household and work objects ... they make up the IRCI’s first tangible heritage. From then on, with donations, acquisitions and recoveries, historical archives and a library have been created: the Institute has also become the place where the great picture gallery of the art of our lands, the cabinet of prints and maps, and that of photographs were set up. The place of all our ‘memorabilia’, to be understood as objects, artefacts, fragments, in some cases, in various ways linked to facts or people of our lands. It is the place where the registry of Istrian, Fiuman and Dalmatian identity is revived.

Here, now, with this exhibition and the volume TESORI, we wish to show the public a little of the entire heritage that the Institute has managed to build up since 1989.

May the book and the exhibition be a stimulus to all, so that those who do not know may know the history of a displaced population and those who, in one way or another, are part (or participants) of these people may find themselves. Right here, at the IRCI. Regional Institute for Istrian-Fiuman-Dalmatian Culture.

Because we, Istrian, Fiuman, Dalmatian exiles,
ARE STILL HERE.